Siete frequentatori abituali della Caffetteria Fenaroli? Siete tendenti ad alzare il gomito con generosità per poi debosciarvi in sproloqui e atteggiamenti compromettenti?

Bene, potreste avere il privilegio di ritrovarvi immortalati e guadagnarvi il vostro ritaglio di imperitura memoria senza sbattervi troppo nei fumetti di Ernesto Carbonetti!, che ha dato il via a un’imperdibile saga cartoonista sullo sfondo della Caffetteria dal titolo Canto malinconico.

Per ora sono a disposizione i primi due episodi, Ce l’avete una casa? e Tre uomini e una barca (per non parlar del cane). Ogni avventore che si rispetti dovrebbe procurarseli e tenerseli stretti, per tanti buoni motivi. Quello principale è che qua si stanno ponendo le fondamenta di un mito, e probabilmente ne siete parte pure voi!

Questo vale tanto per lo zoccolo duro di habitué, amici e collaboratori della Caffetteria fumettati e, dunque, direttamente interessati a procurarsi copiose copie a celebrazione del proprio contributo nella costruzione della prestigiosa epopea; quanto per normofrequentatori e clienti level amateur che si ritroveranno attraversati da un sadico brivido di piacere e stimolati da un’illuminazione del tipo “ah cussù è quel balengo” ogniqualvolta il caso li conducesse al cospetto di uno qualunque dei prescelti fumettati.

Ovviamente il protagonista assoluto della scena è Danilo, metà barman domatore di bestie fuori controllo, metà alchimista alla ricerca psicotica della formula dell’elisir alcolico perfetto. Anche Ernesto gioca a nascondino – ma manco troppo e anzi proprio per niente  velatamente – qua e là fra le tavole. Tuttavia, Canto malinconico non è soltanto un suo  omaggio affettuosamente dissacrante all’assortimento umano che si assembra, con fedele ostinazione, al di là e al di qua del bancone di Danilo. Ernesto ha avviato una saga a fumetti con tuti i crismi, con le sue belle tramine, il loro microcosmo di ospiti d’onore di provenienza eterogenea, le parodie di un certo livello, le prese per il culo, la colonna sonora

Senza scendere troppo nei particolari, per ora siamo passati attraverso sanguinolente battaglie di kung-fu contro moralizzatori fantasmi, predicozzi di psicanalisti austriaci a caso, matrioske di intuizioni, abbuffate di melma psicotropa, fiumi di Campari e prosecco, mutazioni suine e tanto, tantissimo altro che promette di aprirsi a ulteriori, attesissimi sviluppi.

Cosa accadrà? Come dice l’aedo Antracetti, “la risposta è sempre Montepulciano”. Passate in Caffetteria a procurarvi quanto finora pubblicato e fatevi una cultura!

https://i1.wp.com/cafeart.it/wp-content/uploads/2018/01/canto-malinconico-1.jpg?fit=587%2C850&ssl=1https://i1.wp.com/cafeart.it/wp-content/uploads/2018/01/canto-malinconico-1.jpg?resize=150%2C150&ssl=1Silvia Di QualcosaAssociazioneBordo TazzaCanto malinconico,Danilo Rosetta,Ernesto Carbonetti,fumetti,graphic novelSiete frequentatori abituali della Caffetteria Fenaroli? Siete tendenti ad alzare il gomito con generosità per poi debosciarvi in sproloqui e atteggiamenti compromettenti? Bene, potreste avere il privilegio di ritrovarvi immortalati e guadagnarvi il vostro ritaglio di imperitura memoria senza sbattervi troppo nei fumetti di Ernesto Carbonetti!, che ha dato il...Caffetteria Fenaroli